Cosa posso (e devo!) fare se ritrovo un sospetto boccone avvelenato

Breve comunicato relativo al caso Sturn
Luglio 27, 2020
Mostra tutto

Cosa posso (e devo!) fare se ritrovo un sospetto boccone avvelenato

1. Prima di tutto bisogna documentare il ritrovamento: la cosa più semplice è fare diverse foto del boccone e della zona circostante. Se possibile, raccogliere il boccone e riporlo in un sacchetto ermetico.

2. È assolutamente necessario sporgere denuncia contro ignoti presso la Polizia o il Ministero pubblico, consegnando le prove raccolte: senza la tua denuncia, è difficile che vengano attivate le procedure necessarie per ritrovare il colpevole.

3. La Polizia effettuerà poi dei rilievi per cercare di individuare la persona colpevole: potrà acquisire le immagini di videosorveglianza, interrogare testimoni, ecc. Lascia fare il lavoro alle autorità e non improvvisarti investigatore, potresti inquinare prove fondamentali!

4. Avvisa – tramite i social media o di persona – del ritrovamento del sospetto boccone avvelenato i detentori di animali che frequentano la zona: infatti, così facendo, potresti salvare delle vite!

5. A chi dissemina i bocconi avvelenati: sappi che stai commettendo un reato penale, punito con una pena detentiva fino a 3 anni (art. 26 della Legge federale sulla protezione degli animali). Inoltre, il tuo boccone potrebbe finire nella bocca di un bambino: in tal caso, potresti essere accusato di omicidio intenzionale, reato punito con una pena detentiva di almeno 5 anni. Il tuo odio per gli animali potrebbe costarti caro: pensa prima di rovinare la vita a te stesso e ad altri!

Avv. Christopher Jackson
Segretario